LOGO DANCE HIGHWAYS.png
erasmus.png

DANCE HIGHWAYS

Cooperazione in materia di innovazione e scambio di buone pratiche

 • La Galerie Chorégraphique | Carcassonne – Francia (capofila) 
• La Fundición | Asociación Puertas Abiertas | Bilbao – Spagna
• L'espace ASDC | Palermo - Italia 
• Dansearena nord | Trømso – Norvègia
• Fundacja Rozwoju Teatru 'NOWA FALA' | Varsavia - Polonia 
• Theater der Klänge | Düsseldorf – Germania



Di tutte le crisi economiche e sanitarie, la pandemia del COVID 19, in cui l'Europa e gran parte del mondo è immersa da marzo 2020, è quella che ha colpito di più i cittadini più vulnerabili, materialmente, psicologicamente ed emotivamente. In questo contesto senza precedenti, l'accesso ai diritti culturali, come definiti nella Dichiarazione di Friburgo del 2007, è una delle priorità per sostenere gli individui nel loro sviluppo personale, indipendentemente dall'età, dall'origine culturale o dal sesso.



Anche i danzatori-formatori sono stati colpiti da questa crisi fin dall'inizio; l'accesso agli studi di danza e ai teatri è stato vietato, peggiorando così la loro situazione sociale in un settore professionale nel quale la precarietà è già molto diffusa.



In questo contesto, i partner di Dance Highways stanno mettendo in comune le loro risorse finanziarie e operative, ma anche cognitive, per sviluppare un programma di formazione permanente per adulti, sugli approcci pedagogici alla danza contemporanea. I partner di Dance Highways hanno come obiettivo la formazione di artisti coreografici (divulgatori) della danza contemporanea. La maggior parte di loro sono anche danzatori e/o coreografi e sviluppano sui rispettivi territori, modelli innovativi,  perfettibili, di metodologie di trasmissione di conoscenze specifiche.